Come avrebbe detto il buon vecchio Linus “ Era una serata fredda e tempestosa” ma le condizioni meteorologiche non hanno turbato il fascino della Festa di Fine Anno 2024 dell’IIS “Leonardo da Vinci” di Maccarese che anche in questa edizione è stata ospitata nei giardini del Castello. Gli ingredienti ormai consolidati dell’evento, premiazioni, musica, teatro, sport, sono stati arricchiti dall’innovativa esperienza dei “laboratori” realizzati attraverso i fondi del PNRR e da un ampio protagonismo di studentesse e studenti, di tutti gli indirizzi, che sono stati realmente al centro della serata con interventi, relazioni, presentazioni e performance artistiche.

Ma veniamo alla cronaca della manifestazione la cui scaletta è stata armoniosamente costruita dalla Dirigente Scolastica Daniela Gargiulo e dalle Collaboratrici Prof.sse Francesca Turchi e Iolanda Gargiulo. Anche quest’anno la Prof.ssa Alessandra Benadusi ha svolto il ruolo di presentatrice e moderatrice. Aprono la serata gli interventi istituzionali con il Dott. Claudio Destro (Amministratore delegato della Maccarese spa e generoso e sempre disponibile padrone di casa) e la Dirigente scolastica, Prof.ssa Daniela Gargiulo. I saluti del Sindaco, Dott. Mario Baccini, vengono offerti da Roberto Severini, Presidente del Consiglio Comunale.

La prima sezione del programma è focalizzata sulla premiazione del Concorso “A Scuola di Genere “ che ormai da quattro anni offre ai giovani del “Leonardo da Vinci” un importante momento di approfondimento e riflessioni sui temi come la violenza contro le donne e le diverse forme di discriminazione legate al genere. Interviene la Dott.ssa Monica Picca (Assessore ai servizi sociali, cimiteri e diritti degli animali e pari opportunità) che ha partecipato ai lavori della Giuria, la Dott.ssa Federica Poggio, Assessora alla Cultura, e Barbara Cerusico Presidente dell’associazione Donne per la Sicurezza.

Ecco i nomi degli studenti premiati: Christian Tudino che attraverso una intensa opera pittorica descrive “la delicatezza e la semplicità nella descrizione di un così turpe crimine …”, Giulia Tabacchiera che ha presentato un elaborato multimediale in cui “… le note trionfali della Carmen enfatizzano l’esperienza terribile vissuta da una giovane che deve affrontare da sola il dolore per quello che ha subito…” e Mikael Iuliani che attraverso un prodotto di animazione in stile giapponese ispirato ad una storia autentica ha raccontato “una vicenda di violenza e sopruso quotidianamente subito dal personaggio femminile che finalmente trova il coraggio di chiedere aiuto”.

Segue la prima parte delle performance artistiche, presentata dal giovane Giulio Morandi che apre il programma con una propria esibizione al pianoforte, seguito dalla sorella Ginevra.

Arrivano i giovani attori: la tradizione del “teatro storico” iniziata l’anno scorso prosegue ancora con una nuova suggestione offerta dal Prof. Simone Bulleri, attraverso la piece “Maccarese: tre voci per il castello” interpretata da Francesco Masi, Matteo Terrevoli, Arianna Sabatini.

L’intenso monologo di Giordano Fochetti (Flopdi Salmo) introduce a un momento comico ormai canonico ma sempre di grande successo costituito da Fratello Bancomat di Stefano Benni proposto da Teresa Gianuario, Asia Monk Roy.

Dopo un nuovo intermezzo pianistico (ancora Cecilia Morandi, “Moon Rivere Ginevra Vargas Saudade”) e una breve pausa, inizia la Cerimonia conclusiva del Premio Scientifico. I vincitori vengono presentati dalla Prof.ssa Eleonora Bernabucci che rappresenta la Giuria e illustra le motivazioni . Risultano quindi Premiati per la Categoria Biennio: Nicholas Nicholas con il videogioco “Eco-Planet” , un percorso ludico ed educativo a più livelli sulla sostenibilità ambientale e per la categoria del Triennio Chiara Ciancaglioni che ritorna ancora sul tema del Femminicidio con la creazione di un’app “Per Richiedere Aiuto”.

E dalla tecnologia e l’innovazione, torniamo ad un’altra più tradizionale ma altrettanto significativa esperienza del “Leonardo da Vinci”: il Prof. Riccardo De Paoli presenta i lusinghieri risultati del “Certamen Leonardianum” di questa edizione, con menzione dei vincitori.

Ed ecco lo Sport che anche quest’anno ha offerto grandi emozioni con gli eccellenti risultati delle ragazze del Beach Volley (Sara De Angelis, Sofia Mundula, Francesca Pastina) e dei ragazzi della squadra di volley (Lorenzo Guarneri, Luca Manzo, Simone Leurini, Bruno Notari, Alessio De Carli, Federico Iorizzo, Valerio Marchi, Costantin Druta, Nicolas Quaglia, Diego Bozzetto, Alessandro Massaccesi) che vengono premiati e pubblicamente acclamati insieme ai loro insegnati e allenatori, Proff. Ennio Varvaro e Piergiorgio Di Bella.

Mentre si alternano folate di vento e grandi ammassi nuvolosi carichi di minaccia, lo spettacolo va avanti con la presentazione di alcune particolari esperienze didattiche e dei laboratori “cocurricolari” che fanno parte del più ampio progetto “Tutti a bordo” contro la dispersione scolastica e che hanno reso possibile quest’anno a decine di studenti e studentesse vivere una diversa dimensione educativa, in orario pomeridiano, attraverso una didattica sperimentale e laboratoriale, una “scuola senza voti” in cui la relazione tra gli studenti e tra studenti e docenti è al primo posto. Sono gli stessi destinatari di quest’offerta che si alternano al microfono presentando risultati e feedback con disinvoltura e grande autorevolezza. Scorrono quindi davanti a noi queste esperienze : “La scuola vi fa belli” (naturopatia e cosmesi naturale), Obiettivo Ambiente (Giornalismo focalizzato su tematiche ambientali), il corso per la “Curvatura Biomedica”, “Natura in barattolo “ (trasformazione di prodotti in delizie sottovetro), “Musica, Maestro “ (laboratorio per “melomani” di tutte le tipologie), CSI Leonardo (Un tuffo nelle scienze forensi e le loro tecniche), Arte e Sogno”(disegno libero, fumetto, Manga, Graphic Novel) e, quale dulcis in fundo, il Corso di Apicoltura presso la sede dell’Agrario.

La serata si avvia verso la conclusione con l’ultima parte del programma artistico, attraverso le esibizioni musicali e canore di Irene Poggelli, Nicole Colonna , Elisa Mascaro, Marianna Dato e Davide Leurini che regalano al pubblico un autentico momento di magia concluso infine da Veronica Testori che con la sua interpretazione di “The End of The Word” ci fa davvero sognare un mondo diverso e possibile.

Mentre evaporano le ultime note, ormai nella penombra, in un ultimo slancio collettivo si collabora insieme per mettere a posto. Come in una casa, come in una famiglia. Come in una scuola dove tutti possono essere protagonisti.